aitfr logo

Associazione Italiana Tecnici di Funzionalità Respiratoria

Accedi all'area riservata

Main menu:

Ricerca nel sito

Archivi

Categorie

Commenti recenti

Diffusione alveolo capillare

Cari colleghi, sono Claudio da Roma, ho da porvi una domanda, vorrei sapere se anche per voi è difficile ottenere delle corrette dlco. Ossia molti pazienti o non riescono a trattenere l’aria per 10 secondi o non inspirano in modo corretto. Naturalmente noi prima dell’esame spieghiamo in modo corretto la tecnica dell’esecuzione della prova . Avete dei consigli validi da suggerirmi?

Aspettando le vostre risposte, ne approfitto per augurarvi un sereno Natale e un meraviglioso 2013.

Commenti

Commento da Emanuele Isnardi
Inserito: 17 Dicembre, 2012, 10:14 am

Ciao Claudio
Il test DlCO in respiro singolo è senza dubbio una delle misure che noi effettuamo a maggiore complessità. La mia esperienza è che il numero dei soggetti non collaboranti sia percentualmente molto inferiore al numero dei non collaboranti per la spirometria. Normalmente sono soggetti allenati, hanno già eseguito bene la spirometria e non hanno particolari difficoltà. Fanno eccezione coloro che hanno la tosse o sono facilmente stimolabili a tossire e coloro che hanno una VC molto ridotta. Per la tenuta dell’apnea posso consigliarti di utilizzare, se già non lo fai, un boccaglio flangiato: anche se non riescono a chiudere la glottide e a trattenere il respiro si possono appoggiare (senza spingere) alla valvola e se il boccaglio è a tenuta non ci sono problemi. Se non inspirano in modo corretto vuol dire che non li hai allenati bene durante l’esecuzione della VC.
A presto Emanuele

Commento da Gianni Prest
Inserito: 18 Dicembre, 2012, 2:29 pm

Ciao Claudio,
concordo con quanto ti ha scritto Emanuele.
Partendo dal presupposto che un test di DLCO in SB dovrebbe essere sempre preceduto da una misurazione della CV (meglio se una CV inspiratoria), quello diventa il momento per “allenare” il soggetto a inspirare correttamente.
Nella mia macchina abbiamo un funzione simulazione che permette di far eseguire il test senza inalare la miscela di gas, permettendo così di fare alcune prove prima dell’esecuzione vera e propria del test. In passato mi è capitato di avere problemi con la tenuta dell’apnea, ma erano legati alla valvola che non teneva correttamente non consentendo al paziente di “appoggiarsi” per mantenere l’apnea stessa.

Tanti auguri di buone feste

Gianni Prest

Scrivi un commento